6.7.07

punto

Dopo 4 episodi, possiamo cambiare lo status di walkman, da esperimento a realtà.Si è iniziato con l’intento di far ascoltare al pubblico produzioni musicali che oggi sono ancora marginali all’interno della fruizione di musica. L’interesse degli ascoltatori sembra esserci (secondo i feedbacks che ho ricevuto), ma vi è ancora tanto “lavoro” da fare per diffondere il “verbo”. Questa trasmissione è uno spunto anche per andare a conoscere netlabels nuove proprio qui in italia, dove il fenomeno è in crescita esponenziale in questi mesi…nello scorso inverno, netlabel era un neologismo o quasi, oggi, si sa almeno cosa sia ! ma, occorre far conoscere insistere !Ho trovato qualche difficoltà a far si che ci sia interazione tra le varie etichette (in alcuni casi !) nonostante siano parte della Rete, sembrano non rendersene conto e viaggiano un po’ per proprio conto… va detto che siamo ancora all’inizio e che al tempo stesso netlabel è sinonimo di assoluta libertà nel modo di muoversi e porsi.Le trasmissioni recenti e la prossima (disponibile dalla prossima settimana), stanno evidenziando maggiormente quel che arriva dall’italia, come produzioni e nuovi progetti: come successo in germania, il fenomeno ha più potenzialità e forza nell’ambito minimal techno, dove in alcuni casi si sta iniziando ad evolvere il concetto di netlabel… tra poco tempo, anche qui da noi, saremo pronti per organizzare un net lag o un festival specifico...

2 comments:

Niegazowana.net said...

Qui Massimo di Niegazowana.net...per quel che puo' valere la mia opinione, visto che siamo appena nati, posso dire che concordo pienamente con il fatto di cercare di "coordinare" le netlabel italiane.
Anche l'idea di creare nel futuro una sorta di fiera/festival (un MEI delle netlabels?!) non e' male.
Ci rendiamo conto di essere una "mosca bianca" nel panorama delle netlabel, visto che noi non proponiamo musica gratis e non siamo dediti, solo, all'elettronica, pero' parteciperemmo volentieri a qualsiasi progetto di "coordinamento". Continua cosi' e tieni duro! :-)

Fabio Battistetti said...

:)

siamo tutti un po' dei bebe, che per ora si muovono a carponi, pian pianino si crescerà e si inizierà a socializzare